U&D: ELEONORA ROCCHINI SI RIAFFACCIA SUI SOCIAL DOPO IL BRUTTO INCIDENTE, IN CUI E’ RIMASTA COINVOLTA CON LA SORELLA DI OSCAR BRANZANI, DALILA..

Fonte: Instagram

Fonte: Instagram

 

 

Travolta dall’affetto di followers e fans, dopo che la notizia del brutto incidente in cui lei ed altri 4 amici erano rimasti feriti alle porte di Napoli lo scorso weekend aveva fatto il giro della rete, anche per la presenza nello sfortunato gruppo della sorella dell’influencer napoletano che l’aveva scelta a “Uomini & Donne”, Oscar Branzani.. Dalila.. l’ex corteggiatrice del “Trono Classico”, Eleonora Rocchini, superato lo spavento per l’accaduto e ripreso in mano il telefono per tranquillizzare pubblicamente tutti delle sue (non gravi) condizioni di salute e di quelle un po’ meno buone dell’amica, che avrà qualche fastidioso strascico da scontare più a lungo termine.. è tornata sui social nelle scorse ore con un breve scritto condiviso fra le proprie “Stories”.

“Vi scrivo per rassicurarvi, per ringraziarvi per l’affetto che anche in questo momento, così tremendo, così pieno di paura, avete avuto per me, per noi.. (..) E’ stato tremendo l’incidente sì, non sapevamo se ne saremmo usciti vivi da quella macchina e invece stiamo tutti bene, con qualche problemino da risolvere, chi più chi meno, ma tutti vivi.. Ed è ciò che conta”.. ha ripercorso l’influencer toscana, rientrata dopo la “Milano Fashion Week” nella città partenopea dove per oltre un anno ha convissuto stabilmente con l’ex tronista e lavorato con lui fianco a fianco al loro brand di beachwear (QUI).. che con la memoria è quindi tornata agli attimi concitati di quel terribile schianto, estendendo i suoi ringraziamenti alle molte persone presenti sul luogo dell’incidente intervenute tempestivamente per estrarli tutti dalle lamiere e sorvolando piuttosto con una battuta sulle ricostruzioni lette in merito alla dinamica e alle cause.. “Di cose sui giornali ne hanno scritte tante, alcune cose davvero non so neanche da dove le abbiano prese, sicuramente la fantasia non gli è mancata. la realtà di tutto è che dopo una cena tra amici, stavamo raggiungendo altri amici a Napoli e abbiamo perso il controllo della macchina in un tratto di strada in discesa, dove la macchina involontariamente ha preso velocità facendoci perdere il controllo (..) Poi non so cosa sia successo, non so come siamo usciti dalla macchina, non ero cosciente. Le persone con me dicono che dei passanti, degli angeli, ci hanno tirato fuori rompendo i vetri della macchina e chiamando le ambulanze. Ci hanno portato d’urgenza con codice rosso all’ospedale perchè eravamo in condizioni di urgenza, chi con costole rotte, chi con l’anca rotta ed io con un trauma cranico che mi ha fatto perdere molto sangue ed i sensi (..) Andrà tutto bene. Ci vorrà un po’ di tempo per riacquistare la mobilità al 100% e non parlo di me, perchè di rotto io non ho niente, a parte un po’ la testa con 15 punti e lividi qua e là (..) Vi ringrazio da parte di tutti per i messaggi e a chi quella sera ci ha aiutato, standoci vicino e tirandoci fuori dalla macchina. La vostra piccola e matta Ele”..

 

 

Commenta sul Blog!

  1. Lady G. Lady G.

    Condannata senza appello e sbattuta su tutte le pagine dei blog che nascono come funghi e fanno articolino da 2 soldi con copia e incolla passandoseli l’uni agli altri.

    A prescindere quale siano state le cause dell’incidente la cosa che più è emersa sin da subito è stata la cattiveria pura di chi il web lo vive come sfogo per le proprie frustrazioni e caldeggiando le verità di chi è scelto, della ormai ex coppia, come paladino della verità assoluta. Le cattiverie scritte hanno superato di gran lunga la preoccupazione di giovani che in quel preciso momento vivevano un momento difficile in ospedale. La preoccupazione più grande non è stata l’incolumità di giovani vite ma sbattere in pagina delle cause, che anche fossero risultate vere, non potevano venire da fonti ufficiali né per rispetto della legge sulla privacy né per i risultati degli accertamenti che hanno i loro tempi. Bastava sparare nel mucchio e sputare giudizi e sentenze riportate dall’amico di…. che era amico di…. figlio di…. che a sua volta era il vicino di casa di….
    Dovunque sia la verità certamente non è ancora disponibile x cui ancora una volta il web ha dimostrato quanta sia necessaria una regolamentazione. La cattiveria regna però e si è voluto superare anche le basilari regole che impongono il rispetto per delle persone che hanno rischiato non solo la loro vita ma anche quella di altri che avrebbero potuto essere coinvolti in quell’incidente al posto di un cartellone pubblicitario. Ci sarà il tempo per appellarsi a pene esemplari (come affidare i responsabili ai servizi sociali per es.) se chi guidava risultasse responsabile dell’accaduto ….. ma le scuse per tanto veleno sputato da alcune ex followers arriveranno in caso contrario? (faccio presente che non era lei alla guida) Per ora io mi sento di fare gli auguri a tutti i coinvolti nell’incidente esortandoli comunque a fare tesoro per quanto hanno subito nel futuro e di non pensare che .. a noi non può succedere mai.

    Bacio M

I commenti sono disabilitati.