UOMINI & DONNE e poi: ALDO PALMERI COMMENTA LA PRIMA PUNTATA DEDICATA AL SUO TRONO

Dopo l’accesa polemica che nei giorni scorsi ha contrapposto l’ex tronista Anna Munafò alla redazione e in particolare nella persona di Raffaella Mennoia.. quello di Aldo è un messaggio che prende invece totalmente le parti del programma, senza il quale “non avrei mai conosciuto la MIA donna”, “sarei il signor NESSUNO e non avrei avuto la possibilità di guadagnarmi qualcosa grazie alle serate” e “non avrei trascorso momenti davvero indimenticabili”. 

Di più.Aldo precisa di non aver subito alcun tipo di condizionamento durante il suo percorso e di aver anzi trovato aiuto proprio nella redazione: “Io ho sempre fatto quello che mi sentivo di fare. Ogni mio – TU NON SEI NESSUNO – era dettato dalla mia cafonaggine in quel determinato momento, ogni mio bacio dato o non dato era dettato da quello che mi andava di fare e nessuno e dico nessuno ha mai provato a farmi fare quello che non volevo, anzi, sono stato pure aiutato ad esprimermi, quando ero poco diplomatico e risultavo pure antipatico, ad esprimermi meglio!”

 

Screen_AldoPalmeri

Fonte: https://www.facebook.com/pages/Aldo-Palmeri/481867545211749

 

 

Chi, come me, si fosse perso entrambe le puntate potrà recuperarle (solo intere…. i singoli video sarà che è Agosto ma non vengono più caricati) su Videomediaset:

Screen_U&Depoi

CLICCATE SULLE IMMAGINI PER VEDERE I VIDEO

CLICCATE SULLE IMMAGINI PER VEDERE I VIDEO

 

 

Le parti più interessanti sono chiaramente quelle riguardanti la segnalazione in studio..  anche se mancano per ora i commenti di Aldo in proposito:

Alessia..: “Viene fuori una segnalazione che rimette in discussione veramente tutto e a quel punto arrivo al punto di dire “Ok l’ho perso. Non ho più chances. E’ finita”. Lui era offuscato e quindi non mi credeva e la mia paura più grande era di averlo perso. Io ero innamorata di Aldo, ma non la cottarella. Io lo amavo ed è stato così naturale in quella litigata, che è venuto su un vomito di parole,era quello che sentivo e alla fine è uscito fuori quel ti amo. Non era l’ultima carta da giocare, era un vado via ma ti dico tutto. Arrivata ad un certo punto, talmente presa dal panico, inizio a cercare il suo numero per un contatto fuori. Prendo il telefono e lo chiamo e lui mi riattacca il telefono in faccia. Quelle settimane son stata veramente male, ma male non rende l’idea.”

Raffaella..: “Nel caso specifico di Aldo la segnalazione se l’è portata da casa. Nel senso che gli arrivò la segnalazione da un suo amico, che gli fornì non so come tutte le conversazioni di Alessia e un ipotetico fidanzato… e ce le portò. E insomma c’erano dei messaggi che facevano intendere che Alessia avesse una storia in piedi con una persona fuori dal programma e che fosse lì per farsi vedere dalle telecamere. Ovviamente questo, addizionato a tutti i dubbi che aveva già Aldo, facevano trarre conclusioni scontate e lui era veramente turbato, perchè non sapeva se crederle o meno. In realtà Aldo credeva sempre ad Alessia perchè voleva credere ad Alessia, perchè quando ti piace una persona sei portato a credere a quella persona. Io poi non lo se quei messaggi erano reali o non erano reali, non è il mio lavoro capire la verità. Il mio lavoro è dare gli strumenti per far capire certe cose, io ti porto a vedere la segnalazione quando arriva a noi direttamente, ti lascio esporla se arriva a te direttamente, dopodichè le valutazioni le devi far tu. Io mi ricordo che Alessia dichiarò di amare Aldo durante una puntata. In realtà è già successo che a Uomini & Donne ci siano stati dei ti amo ma credo non gli si possa dare l’importanza di un ti amo detto in una storia vissuta realmente fuori dal programma. Credo ci possa essere una fortissima voglia di viversi, proprio perchè c’è un’aspettativa di tanto tempo, che ti puo’ far enfatizzare il sentimento e far arrivare a quel ti amo. Ma poi quella frase lì avrà il giusto significato in seguito. Alessia era disperata ma quello era già capitato spesso, però, era molto molto preoccupata di non recuperare più la situazione con Aldo quindi fece una cosa che non va bene. Nel senso che non si può usare il programma e stare nel programma solo laddove le cose vanno bene o ti vanno bene a te. Poi quando c’è un problema o un disagio… mancare di rispetto a un meccanismo che t’andava bene fino a ieri. Perchè è al limite con l’essere viziata… ed è un’altra cosa questa che ad Alessia veniva spesso detta. Se io non ottengo così ottengo in un’altra maniera, quindi mi rimedio il numero di telefono di Aldo e lo chiamo. Aldo però devo dire che in quell’occasione ci aveva immediatamente chiamato raccontando di questa telefonata e noi siamo stati costretti a convocare Alessia in ufficio spiegandole cose che sapeva benissimo. Ed era ovviamente dispiaciuta. Decidiamo di far vedere ad Aldo questo filmato girato nel mio ufficio per vedere se c’erano delle reazioni però lì lui fu abbastanza fermo nel dire che non aveva piacere di rivederla e si concluse così. Succede che nel frattempo veniamo sommersi di mail e telefonate da parte della mamma del ragazzo della segnalazione e da lui stesso perchè ovviamente si era sentito chiamato in causa. Io avevo detto ad Aldo vuoi che chiamiamo questa persona con le telecamere, e lui mi aveva sempre un po’ rimandato perchè forse aveva un po’ timore o forse non voleva dare importanza a questa persona. Ovviamente poi quando ti chiama una madre io non me la sono sentita di non richiamarla. E a quel punto con Aldo chiamammo questa signora in vivavoce. Era una signora carina, mi raccontò al telefono che lei lavorava in un supermercato e che le clienti conoscendo il figlio le domandavano, ma che succede? M’aveva fatto un po’ tenerezza, perchè m’era sembrata un po’ una mamma che cerca di tutelare il figlio anche forse in maniera sbagliata perchè sono cose che dovrebbero gestirsi i ragazzi. A me sinceramente sembrava credibile, però ripeto non sono io quella coinvolta che sono solo uno strumento. Aldo dopo quella telefonata era visibilmente turbato perchè comunque sentire al telefono una donna adulta raccontare faccende così dettagliate l’aveva fatto riflettere e si era sentito credo preso in giro. Mi ricordo che mi aveva detto “Io mi sono sempre comportato bene. Io è da quando sono arrivato qui che in realtà penso a lei. Quindi tutto il tempo di quest’esperienza l’ho impegnato per capire se lei era realmente interessata a me.” Si è sentito proprio lo zimbello della situazione..