GEORGE CLOONEY SMENTISCE IL DAILYMAIL CHE SI SCUSA CON UN COMUNICATO

E’ intervenuto in prima persona questa volta George Clooney, per smentire ,con una lunga lettera indirizzata a Usa Today “la storia completamente inventata” che il Daily Mail avrebbe pubblicato sulla madre della fidanzata Amal Alamuddin e la sua presunta opposizione per motivi religiosi alle loro nozze (che stando ai rumours dovrebbero tenersi il 12 Settembre probabilmente in Italia).

Con toni duri Clooney si è scagliato contro l’irresponsabilità di chi, prima di pubblicare, avrebbe dovuto riflettere sul pericolo che, insistere su inesistenti contrasti religiosi, poteva comportare alle persone a lui care:

 George Clooney in esclusiva per Usa Today

Raramente rispondo ai tabloids,a meno che la cosa come in questo caso non coinvolga la sicurezza di terzi. Il Daily Mail ha pubblicato una storia completamente inventata sulla madre della mia fidanzata che si opporrebbe al nostro matrimonio per motivi religiosi. E’ stato detto che avrebbe parlato con metà Beirut del suo dissenso. E’ stato detto che avrebbe scherzato sulle tradizioni della religione drusa che terminerebbero con la morte della sposa. Lasciatemelo ripetere: la morte della sposa. Per prima cosa, nulla di questa storia è vero. La madre di Amal non appartiene alla religione drusa. Non è mai tornata a Beirut da quando io e sua figlia ci siamo fidanzati e non si è mai opposta in alcun modo al nostro matrimonio ma non è certo questo il vero problema. Sono abituato al fatto che il Daily Mail “costruisca” storie su di me, lo fanno diverse volte a settimana e la cosa non mi preoccupa. Se “costruiscono” storie sul fatto che Amal sia incinta, o che il matrimonio sarà celebrato sul set di Downton Abbey, o che ho intenzione di candidarmi o qualsiasi altra cosa idiota che possano inventare seduti al loro computer non mi interessa. Ma questa bugia coinvolge aspetti più importanti. L’irresponsabilità, in un periodo come questo, di sottolineare contrasti religiosi laddove non esistano è non soltanto indice di negligenza ma soprattutto molto pericoloso. Io e Amal abbiamo persone care sparse in tutto il mondo che non dovrebbero essere messe a  rischio pur di vendere qualche giornale. Sono il figlio di un giornalista; accetto l’idea che il diritto di cronaca possa essere un inconveniente per la mia vita privata di tanto in tanto, ma questa storia, come tutte le altre, è stata ripresa da centinaia di giornali che hanno citato il Daily Mail come fonte.. da Boston a New York agli Emirati Arabi e così via. Il Daily Mail più di ogni altro quotidiano che si vanti di dare notizie ha dato prova più volte di non tenere in considerazione i fatti. Ma quando mettono in pericolo i miei amici e la mia famiglia, attraversano il confine che separa un tabloid che fa sorridere da chi incita alla violenza. Dovrebbero andarne fieri

 

 

Secca anche la risposta del giornale online che dopo aver ribadito la propria buona fede e aver rimosso l’articolo… si è scusato con l’attore:

“Lunedì è stato pubblicato un articolo in cui si sosteneva che la madre della fidanzata di George Clooney, Amal Alamuddin, avrebbe preferito che la figlia sposasse un membro della religione drusa. Ieri George Clooney ha replicato che la storia è stata completamente inventata acuendo contrasti laddove non ci sono. La storia non è stata “costruita” ma bensì il frutto della buona fede riposta in uno stimato e affidabile giornalista freelance e nei suoi contatti di lunga data in quelle zone. Venuti a conoscenza della replica stiamo cercando di far luce sulla cosa. Comunque accettiamo la precisazione di George Clooney e ci scusiamo con lui, la fidanzata e la futura suocera. L’articolo è stato rimosso”

 

Commenta sul Blog!

  1. lucy

    porello qualcosa deve pur fare x non far calare l’attenzione su questa farsa di matrimonio…..non so pechè ma mi fa tutto molta tristezza….un ultra cinquatenne che fa il ventenne onestamente lo trovo penoso….mi sa tanto mi molto ma molto combination….mi sbagliero’……solitamente ho un sesto senso x queste cose

I commenti sono disabilitati.