60ESIMO “ZECCHINO D’ORO”: VINCE SARA CALAMELLI CON “UNA PAROLA MAGICA”. E MARCO MASINI SI AGGIUDICA IL GALA’ CON “LETTERA A PINOCCHIO”..

Fonte: Instagram

 

 

Si è conquistata, ieri, la vittoria della 60esima edizione dello “Zecchino D’Oro”, la piccola Sara Calamelli, concorrente di 9 anni, originaria del comune di Faenza, in Emilia-Romagna, in gara con la canzone “Una parola magica”, scritta e composta da Stefano Rigamonti, che insegna l’importanza nascosta in una parola di uso comune, ma spesso sottovalutata come.. “Grazie”.

Un’altra gara, tra le 12 canzoni più rappresentative della storia dello “Zecchino d’Oro”, aveva animato Venerdì la serata celebrativa condotta da Carlo Conti per i 60 anni della manifestazione dedicata ai più piccoli. I voti assegnati dalla giuria di qualità, composta da.. Platinette, Iva Zanicchi, Enrico Brignano, Christian De Sica, Francesca Fialdini e Giovanni Allevi.. sommati in classifica combinata a quelli dei bambini finalisti di questa edizione e al televoto del pubblico a casa avevano alla fine permesso di incoronare vincitore Marco Masini, ascoltato al piano nella popolare “Lettera a Pinocchio”.. che aveva così avuto la meglio sui colleghi… Arisa (“Il coccodrillo come fa?“), Patty Pravo (“Fammi crescere i denti davanti”), Beppe Fiorello (Quarantaquattro gatti”), Cristina D’Avena (“Il valzer del moscerino”), Nino Frassica (“Popoff”), Claudia Gerini (“Il caffè della Peppina”), Laura Chiatti (“Le tagliatelle di Nonna Pina”),  Bianca Guaccero (“Il pulcino ballerino”), Chiara Galiazzo (“Il torero Camomillo”), Tullio Solenghi, Massimo Lopez e Sergio Friscia (“Il lungo, il corto e il pacioccone”).. e Anna Tatangelo (“Volevo un gatto nero”).

Il saluto di Topo Gigio aveva poi permesso di rendere omaggio al compagno televisivo di lungo corso, Cino Tortorella, in arte il Mago Zurlì, scomparso lo scorso Marzo, e ricordato anche nel successivo collegamento dall’Antoniano di Bologna con la figlia Chiara